Consiglio regionale approva legge su attribuzione codice identificativo a strutture ricettive non alberghiere

Il Consiglio regionale ha approvato il disegno di legge sulla “Integrazione alla legge regionale 1 dicembre 2017, n. 49 ‘Disciplina della comunicazione dei prezzi e dei servizi delle strutture turistiche ricettive nonché delle attività turistiche ricettive ad uso pubblico gestite in regime di concessione e della rilevazione dei dati sul movimento turistico ai fini statistici’”.
Il provvedimento istituisce in particolare, ai fini della conoscenza dell’offerta turistica regionale, il Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere con l’attribuzione del “Codice identificativo di struttura” (CIS). Quest’ultimo dovrà obbligatoriamente essere citato al fine di agevolare i controlli in tutti i supporti pubblicitari utilizzati (digitali, scritti, stampati etc). Per gli inadempienti sono previste sanzioni pecuniarie da un minimo di 500 a una massimo di 3.000 euro per ogni attività pubblicizzata, promossa o commercializzata priva del CIS. Le funzioni di vigilanza, controllo e di irrogazioni delle sanzioni amministrative saranno esercitate dai comuni, ferma restando la competenza dell’autorità di pubblica sicurezza e dell’autorità sanitaria nei settori di pertinenza. 
Allegati:

IV commissione: sì a ddl per istituzione Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere